Halloween? No grazie, preferisco la zucca

Sapete cosa mi fa più infuriare di Halloween? Lo spreco di zucche. Il 31 ottobre milioni di zucche in tutto il mondo vengono sacrificate in nome di una tradizione che appartiene al popolo statunitense e che ha preso piede in un po’ dappertutto, in virtù di quel processo tanto affascinate quanto pericoloso che è la globalizzazione.
Proprietà – La zucca, uno degli ortaggi più grandi in natura, è presumibilmente originaria dell’America Centrale. In Messico, infatti, sono stati ritrovati dei semi di zucca risalenti al 6.000 a.C., quando si pensa che essa rappresentava uno dei principali mezzi di sostentamento dell’uomo. Oggi è consumata in tutta Italia ed è un’autentica protagonista della tavola, essendo utilizzata sia per la preparazione di piatti salati che dolci.
La zucca è una pianta molto resistente, con una polpa pastosa e solida dal gusto dolciastro che ne fa un ingrediente molto versatile, oltre che una inesauribile fonte di benefici per l’uomo.
Benefici – Le proprietà curative della zucca sono dovute in maggior parte alla presenza del betacarotene, utile a prevenire l’insorgere di diverse patologie; da non sottovalutare i benefici che derivano dalla sua capacità di contrastare i radicali liberi, sostanze altamente dannose per il nostro organismo. Ma il betacarotene ha anche altre proprietà: protegge il sistema circolatorio, è antinfiammatorio e, grazie alle sue proprietà antiossidanti, rappresenta un ottimo alleato nel rallentare l’invecchiamento delle cellule del corpo umano.
Il betacarotene, inoltre, è anche una sostanza antiossidante dalle provate proprietà antitumorali. In base ad uno studio risalente al 2007, in Massachusetts, è stato dimostrato che la zucca possiede proprietà che contrastano il diabete e l’ipertensione. Oltre a queste proprietà, aggiungiamo i benefici che essa apporta all’organismo per quanto riguarda il rilassamento, gli effetti diuretici e quelli sedativi. Fin dai tempi più antichi alla zucca si sono attribuite proprietà calmanti, indicata per chi soffre di ansia, nervosismo ed insonnia; la stessa polpa costituisce un ottima sostanza lenitiva in caso di scottature ed infiammazioni della pelle.
I semi – Utilissimi anche i semi di zucca, le cui proprietà benefiche sono principalmente riconducibili alla cucurbitina, uno dei suoi principi attivi più rilevanti che sembra avere un ruolo attivo nel contrastare i disturbi della prostata. Tuttavia, i principi attivi contenuti nei semi di zucca svolgono un attività preventiva anche nei confronti dell’apparato urinario femminile.
Halloween? No grazie, la zucca preferisco mangiarla.

Annunci