Scrivere per guarire le ferite del cuore

Mi hanno consegnato un quaderno, le pagine a quadretti immacolate. Mi sono rivista adolescente, seduta alla scrivania della mia stanza, in un soleggiato pomeriggio estivo a scrivere di amori disattesi e speranze disilluse. La musica di sottofondo ispirava le mie parole che, con naturalezza, riempivano righe e righe di vita.

Tutto è scritto, tutto è narrato, in un vano tentativo di preservare la memoria dal passare implacabile del tempo, che porta via con sé ricordi ed emozioni.

Cosa sentivo? Cosa sognavo? Più o meno le stesse cose di adesso: un anelito a viaggiare e conoscere il mondo, un’ardente insoddisfazione che solleticava le mie ambizioni. Il grande amore. L’ho trovato? Difficile dirlo. Forse l’ho tenuto stretto tra le mani ma non ho saputo riconoscerlo e l’ho lasciato andare via. O forse l’ho soltanto sfiorato senza mai riceverlo a pieno.

Ciò che vedo con assoluta chiarezza sono le cicatrici, che mi dicono che l’amore non sempre appaga il cuore, a volte lo ferisce; che l’essere umano è fragile e, anche quando parte con le migliori intenzioni, finisce col fare e farsi del male.

È qualcosa che tutti noi sperimentiamo: l’illusione e la delusione, la gioia incontenibile e la tristezza più nera. Il rifiuto, l’abbandono. Ma la vita è più forte e cadere non significa fallire. L’importante è rialzarsi, curare le ferite e riprendere il cammino con più fiducia in se stessi.

Annunci

L’amore è più forte, non arrenderti mai

percorsidifficilivn6

La vita ci regala sorprese inaspettate, che ci fanno scoppiare il cuore di una gioia mai provata prima. In questi momenti raramente ci accorgiamo di quando siamo felici ma, appena la sorte ci volta le spalle e una nuova ferita si apre sulla pelle, ecco che cerchiamo un appiglio che ci salvi dal precipitare nel baratro. Per me è la scrittura.

Tante volte, nei momenti bui, ho celebrato la bellezza della vita riaffermando la convinzione che non bisogna mai perdere la fiducia perché, per quanto la notte possa essere buia, il sole tornerà a splendere riempiendo i nostri giorni d’amore e soddisfazioni. Stasera non sarò da meno.

foto-cuori

Davanti a me si apre un abisso fatto di incertezza e paura, ma voglio ancora confidare nella vita, nella bontà di Dio, in me stessa. Voglio credere che le cicatrici posso rimarginarsi, che gli errori possono essere perdonati, che l’amore trionferà e sarà più forte delle incomprensioni. Che domani sarà un giorno nuovo, purificato dalle lacrime, che ci troverà pronti a riprendere il nostro cammino accanto a chi amiamo. Che sapremo procedere mano nella mano, rispettando il passo dell’altro senza forzarlo né rallentarlo; che se ci allontaneremo un po’ sarà soltanto per ritrovarci più forti e innamorati di prima.

Radici, solo se sono profonde puoi volare in alto

albero

Fin da bambina ho provato un forte desiderio di viaggiare, vedere il mondo, conoscere nuovi posti e nuove culture. Volevo andar via, lasciarmi tutto alle spalle e non voltarmi indietro.

Oggi, con la maturità dell’età adulta e un piccolo pezzo di mondo nel mio bagaglio, ho scoperto l’importanza delle radici, del ritornare alla culla che mi ha visto nascere, al paese che mi ha visto correre spensierata, crescere e trasformarmi in una donna. Ho capito che tutto questo non ha a che fare soltanto con un luogo fisico ma con tutte quelle persone che lo popolano, con la famiglia.

Ho imparato che non esiste legame più forte della famiglia, la vera radice che ci tiene ancorati alla vita, ma anche il tronco che ci dà sostentamento, i rami e le foglie che ci permettono di svettare in alto e realizzarci per ciò che siamo realmente.

I segni sulla pelle ci dicono che il tempo è come un passeggero che sale sul nostro vagone e annuncia che la vita è un momento e che, non importa quante fermate faremo lungo il percorso, quante esperienze vivremo, alla fine torneremo sempre alle nostre radici, a quel rifugio che calma il dolore, al ricordo del primo amore, a ciò che siamo stati per ritrovare noi stessi e ripartire verso nuove mete.

La sfida di essere donna nel mondo moderno

donna-sogni

Essere donna nel mondo moderno è una sfida avvincente; a volte difficile, piena di ostacoli, ma sempre affascinante. I tempi in cui le donne dovevano seguire un copione che altri avevano scritto per loro – sposarsi, accudire il marito e i figli, prendersi cura degli anziani –  è terminato e le donne si stanno riappropriando della loro vita e dei loro sogni.

La donna moderna è intelligente, indipendente e consapevole del proprio valore. Ha delle responsabilità sul lavoro, fa carriera, non permette che la sua felicità dipenda da terze persone ma ha imparato a costruire la propria felicità coltivando interessi e passioni, vivendo appieno la vita che desidera.

Ciò non significa che la donna moderna non abbia bisogno di un partner, ma che insieme alla sua indipendenza sviluppa anche la capacità di vivere il rapporto di coppia con maturità, evitando la dipendenza affettiva, concedendo e concedendosi libertà, camminando accanto al proprio uomo sostenendolo e incoraggiandolo ma senza rinunciare a se stessa e alla propria vita.

donna-moderna

Una donna intelligente ha caratteristiche che la differenziano da tutte le altre. Sa apprezzare le cose belle della vita, vive il presente ma ha ben chiari quali sono i suoi obiettivi. Apprezza la solitudine, anzi ha bisogno dei propri spazi per riflettere, conoscersi, superare i propri limiti e trovare nuovi stimoli.

Una donna intelligente non ha paura di uscire dalla propria zona di comfort, perché il cambiamento porta sempre con sé nuove opportunità e occasioni di crescita. Una donna intelligente sa ascoltarsi e si fida del suo istinto quando è il momento di prendere una decisione. Inoltre, sa dire di no quando gli altri tentano di invadere il suo spazio vitale.

In definitiva, è una donna moderna, che combatte come tutte con i problemi di cuore, con le difficoltà ad affermarsi sul posto di lavoro, che fa salti mortali per conciliare famiglia e carriera, ma che non dimentica mai quanto sia bello avere la possibilità di esprimersi per ciò che si è, senza schemi imposti dall’alto.

Complicità e rispetto, gli ingredienti per un’amicizia autentica

corsa

Qualche giorno fa vi ho detto che non vale la pena inseguire persone che sanno dove trovarci. Oggi voglio parlarvi del valore dell’amicizia, del rispetto e della complicità.

Capita a volte che una persona senta il bisogno di allontanarsi, di starsene nella propria caverna – citando John Gray – e allora il compito dell’amico è quello di comprenderlo e rispettarlo, di lasciargli i suoi spazi senza far mancare supporto e affetto.

Un amico che sta affrontando un momento difficile non è qualcuno che fa il prezioso, che ci snobba. E’ qualcuno che ha bisogno di noi in un’altra forma, che non è quella delle uscite e delle bevute, ma della comprensione e del sostegno morale. Della presenza non invadente ma costante.

Quando un amico ci chiede spazio, bisogna imparare ed essere complici. Un complice è colui che accetta, protegge e rispetta i nostri tempi, i nostri ritmi, le nostre scelte. Che non ci mette pressione ma è pronto a riaccoglierci nel momento in cui decideremo di uscire dalla caverna e tornare alla civiltà. Qualcuno di cui fidarsi, con cui è possibile essere se stessi sempre, senza maschere e senza finzioni.

Avere un complice significa avere un compagno di squadra, qualcuno che corre al tuo fianco per raggiungere il medesimo obiettivo, che non ti rimprovera per un tiro sbagliato ma al momento giusto ti fornisce l’assist per il gol decisivo.

Mi piego ma non mi spezzo. L’importanza di essere flessibili

canne

Mi spezzo ma non mi piego. Fin da quando ero piccola ho sentito ripetere questa frase ma, già allora, c’era qualcosa che non mi tornava. Pensavo alle canne, a come si flettono quando sono scosse dal vento e poi tornano a svettare verso il cielo una volta passata la tempesta. Pensavo che se non si fossero piegate, ma spezzate, sarebbero morte.

Ancora oggi credo che il proverbio debba piuttosto essere “mi piego ma non mi spezzo”. Spezzarsi significa arrendersi, abbandonare ogni speranza e rinunciare a lottare. Morire. Piegarsi vuol dire essere flessibile, avere la capacità di adattarsi, di affrontare anche le situazioni più impervie della vita senza lasciarci travolgere.

È saper riconoscere i propri limiti avendo la fiducia e la certezza che quando il vento si sarà calmato, resterà in noi un alito di vita che ci permetterà di risollevare la testa e continuare a guardare il sole.

Un po’ come il pugile: non importa quante volte cada, l’importante è che si rialzi e si faccia trovare in piedi quando finisce il match.

Non correre dietro a chi sa dove stai

separazione

Una volta qualcuno mi ha dato un consiglio che non sono riuscita a dimenticare: non correre dietro a chi sa dove stai, neppure per necessità. Quando ho chiesto perché debba essere tanto radicale nel mio modo di agire, ho ricevuto una risposta che mi è servita per aprire gli occhi in molti momenti della mia vita.

Innanzitutto, mi hanno detto “non correre dietro a nessuno, neppure a te stesso, perché nessuno ha bisogno di qualcuno che gli stia dietro, abbiamo bisogno di chi ci stia a fianco”. E dopo hanno aggiunto: “se non ti dà nulla, lascialo andare perché se ha ancora qualcosa da offrirti, non avrai bisogno di elemosinarlo”.

Spesso ci sentiamo meglio quando scappiamo da ciò che ci succede e ci guardiamo indietro, rimuginando su ciò che abbiamo perso. In questo caso corriamo dietro noi stessi e non va bene. Dobbiamo guardare avanti, verso il futuro, anche se il vuoto ci spaventa. Ma a volte è necessario fare silenzio e ascoltarsi per capire che amare se stessi è la cosa più importante.

catene

La stessa cosa accade con gli altri: se vogliono che tu stia dietro, non hanno bisogno di te. Certo, a parole è semplice mentre nella realtà ci viene molto difficile allontanare quelle persone che amiamo ma che non ci vogliono nella loro vita.

Tuttavia, per quanto complicato sia, è necessario tagliare queste relazioni infruttuose, dove manca l’interesse di conoscersi e condividere piccoli spazi di quotidianità. Sono relazioni già morte che ci ostiniamo a portare avanti facendoci soltanto del male. È doloroso ma molto più produttivo comprendere che chi non ti vuole al suo fianco non ha bisogno di te, né tu hai bisogno di lui.

Comprendere questo, apprezzarti e non lasciare che ti sminuiscano è il primo e più importante passo per avanzare. Guardati dentro, sai bene dove non vuoi stare: non vuoi stare ad aspettare che quella persona si giri e ti veda. Guardati dentro e rifletti: se sicuro di non meritare di più?

Tra le altre cose, crescere è imparare a definire la direzione e la velocità della propria vita. Sei tu che decidi come coltivare ciò che hai, come dare amore, sapendo che chi perde di più è colui che non sa riceverlo. Condividi ciò che sei con chi lo desidera davvero, perché questo è il modo più giusto di mostrare affetto.