Madrid: bellezza, incanto e nostalgia

20140523_191756

Madrid. Una parola, migliaia di ricordi che affiorano alla mia mente. Volti, suoni, immagini e sapori nuovi. Una rinnovata gioia di vivere. Colta da un’improvvisa voglia di raccontare, accompagnata dalla nostalgia di giorni felici e ricchi di sole, mi accingo a scrivere questo post in un pigro pomeriggio di inizio dicembre.

20140425_182448Il primo fotogramma è quello di casa mia – l’accampamento, come lo chiamavo allora – un enorme appartamento di nove stanze ubicato in calle Atocha, una delle strade principali della capitale spagnola. È un mestisaje di nazionalità e lingue, ci sono francesi, irlandesi e scozzesi, portoghesi, venezuelani e persino un vietnamita. All’inizio è dura convivere con tanta gente ma presto la diffidenza lascia il passo all’amicizia e niente è più bello che tornare a casa e sentire una voce amica che ti saluta e ti chiede come sia andata la tua giornata.

Siamo al quarto piano, sotto è tutto un via vai di gente, spagnoli indaffarati e turisti leziosi che si godono una passeggiata dal Parque del Retiro a Puerta del Sol, centro della vita e della movida madrilena. Poco più lontano sorge Plaza Mayor, con i suoi palazzi colorati e i portici pieni di locali in cui è possibile gustare piatti tipici della tradizione spagnola.

20140427_160856

Non manca la paella, classico intramontabile della cucina iberica, ma la 2014-12-01_18.53.27sorpresa più piacevole sono le tortillas rellenas, frittate con patate ripiene di ogni condimento, accompagnate da gustose salsine. E per i più golosi, caramelle, dolci e yogurt gelato a volontà.

Non c’è bisogno di camminare molto per arrivare al Mercado de San Miguel, mercato gastronomico che offre le migliori specialità spagnole ed europee. E, parlando di mercato, impossibile non citare il famoso Rastro, il mercatino delle pulci che si svolge ogni domenica alla Latina, il quartiere più colorato ed esuberante di Madrid.

Tra le bellezze architettoniche, camminando ancora un po’, si trovano Palacio Real e la Catedral de la Almudena, il cui altare maggiore è stato affrescato pochi anni fa da Kiko Arguello, fondatore del Cammino Neocatecumenale.

2014-12-01_19.10.41

Chi ama l’arte ha un’ampia scelta: il Padro, il Reina Sofia, la Fundacion Thyssen sono solo alcuni dei musei in cui è possibile ammirare capolavori di tutti i tempi, come la Maya Desnuda di Goya e la Guernica di Picasso.

20140718_234943Ma Madrid non è solo monumenti e arte. Madrid è vita. La primavera è solo un breve fiorire, l’estate e il caldo secco la fanno da padrone fin da subito. Illuminato dai lucenti raggi del sole, tutto ha un colore nuovo. Il buio, che in Italia ci colpisce già alle otto e mezzo di sera nei giorni più lunghi, nella capitale spagnola arriva soltanto alle dieci passate, regalando tanta luce e tanta allegria in più. La gente ha voglia di godersi la città e tutto ciò che può offrire. Ce n’è per tutti i gusti e la notte sembra non voler arrivare mai.

Una delle cose che mi ha stupito appena arrivata è stata la vita notturna. Non quella dei giovani in cerca di locali in cui far baldoria, ma quella dei madrileni che alle due di notte portano tranquillamente a spasso il cane o si fanno una passeggiata con gli amici.

IMG-20140630-WA0003Presto inizio a non fare più caso a tutte queste novità, che diventano parte della mia quotidianità, come inizio a non far caso ai gay che si tengono per mano o si scambiano effusioni in strada, che in Spagna è la normalità.

Il senso di sicurezza che provo camminando da sola a orari improbabili è unico. Nessuno si avvicina a una bella ragazza tutta in tiro, né la molesta né le rivolge complimenti. Mi sento completamente a mio agio, anche se poche settimane dopo il mio arrivo subisco il furto del portafogli. Questo non avviene di notte, ma la mattina di ritorno da una serata in discoteca, mentre la città ancora dorme.

I ritmi degli spagnoli sono molto più lenti rispetto a quelli degli italiani, benché neppure noi brilliamo per efficienza. I negozi aprono tardi e la giornata lavorativa raramente inizia prima delle 9. Io ho la fortuna di lavorare in un posto bellissimo, all’interno della stazione Atocha, dove sorge un invidiabile giardino con tanto di vasche piene di tartarughe. Il Progetto Leonardo Da Vinci mi ha portato negli uffici di Autogrill, mi occupo di risorse umane, e intanto arricchisco la mia vita con nuove conoscenze.

2014-12-01_19.04.06Madrid è anche la capitale del calcio, con ben due squadre a sfidarsi per la finale di Champions League. Una città in festa per oltre una settimana, con le celebrazioni per la vittoria della Liga da parte dell’Atletico, prima, e i festeggiamenti per la conquista della Coppa Campioni da parte del Real, poi. Io c’ero in entrambe le occasioni.

Un’altra parte importante della mia quotidianità madrilena è rappresentata dal Cammino. Ho la fortuna di vivere a pochi passi da una delle parrocchie più ricche della capitale e con la comunità vivo esperienze straordinarie, come l’incontro con Kiko a Valencia e il matrimonio di due fratelli. Ma, soprattutto, trovo una nuova famiglia che mi fa sentire veramente a casa.

20140504_191333Quattro mesi sono tanti e descrivere ogni esperienza in un post sarebbe impossibile, ma ogni istante di quella meravigliosa avventura è custodito nel mio cuore come un ricordo prezioso. Le persone innanzitutto. Poi i luoghi che ormai mi erano diventati familiari, così come la lingua che, senza saperlo, ho sentito mia fin da piccola.

Un’esplosione di vita, Madrid, una vita che è stata mia per un tempo troppo breve e che resta lì, tra le pagine più belle della mia storia.

PicsArt_1407830311564

Annunci

8 pensieri su “Madrid: bellezza, incanto e nostalgia

  1. Pingback: 17 cose che cambiano per sempre quando vivi all’estero | Alla scoperta del mondo

  2. Pingback: Festività e ponti 2015: tante occasioni per viaggiare | Alla scoperta del mondo

  3. Pingback: Madrid: una passeggiata al Parco del Retiro | Alla scoperta del mondo

  4. Pingback: Un pomeriggio, sognando | Alla scoperta del mondo

  5. Pingback: Le mille luci del mattino di Clara Sánchez | Alla scoperta del mondo

  6. Pingback: Sogni, il motore della vita. E tu dove vuoi andare? | Alla scoperta del mondo

  7. Pingback: Scrivere per guarire le ferite del cuore | Alla scoperta del mondo

  8. Pingback: Isabel Allende torna con il nuovo libro “Más allá del invierno”. A Natale anche in Italia | Alla scoperta del mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...