Removed, la vita senza smartphone secondo Eric Prickersgill

Angie_and_Me

Removed è il titolo emblematico dell’ultimo progetto di Eric Prickersgill, fotografo statunitense che attraverso la sua opera ci mostra la solitudine e l’isolamento a cui ci costringono i social media, sensazioni amplificate dalla scelta dell’artista di rimuovere dalle mani dei suoi soggetti smartphone e tablet.

Snoopys
Il progetto, rivela Prickersgill, non è un attacco nostalgico alle nuove tecnologie. L’intento non è quello di mettere in discussione i social network ma di mostrare, piuttosto, l’attenzione ossessiva che riversiamo verso i nostri cellulari.

wendy_brian_kids
La serie fotografica, racconta l’artista, è stata ispirata da una famiglia in un caffè di New York fissa ad osservare il proprio device: «Erano disconnessi gli uni dagli altri, non parlavano fra di loro e sia il padre che le figlie guardavano lo smartphone mentre la madre sedeva poco lontano senza un telefono da controllare».

grant
La scena, così sorprendentemente comune, si è stampata nella mente del fotografo tanto che ha deciso di dedicare un intero progetto alle nuove tecnologie che, «mentre ci permettono di interagire con persone lontane da noi, ci costringe a non comunicare con chi ci è accanto».

michelle_and_jimmy
Per rappresentare visivamente questo straniamento Eric ha fotografato persone mentre, in un contesto quotidiano, utilizzano smartphone inesistenti per dimostrare come l’attenzione che dedichiamo ai nuovi dispositivi ci alieni completamente dalla realtà che viviamo.

debbie_kevin

Annunci

Galaxy Note 3, Galaxy Gear e HTC One Max: le novità dell’IFA Berlino 2013

ifaberlino2013

Manca davvero poco all’IFA di Berlino 2013 dove, dal 6 all’11 settembre, saranno presentate le novità più interessanti del mondo dell’elettronica e della tecnologia. A farla da padrone, quest’anno sarà la Samsung che presenterà al grande pubblico una serie di prodotti che promettono di lasciare tutti a bocca aperta.

Galaxy Note 3 – All’IFA di Berlino farà la sua prima apparizione ufficiale il nuovo tablet Galaxy Note 3. Stando ai rumors, il dispositivo avrà memoria da 16, 32 e 64 GB, fotocamera da 13 Mpixel e si appoggerà alle reti Lte e potrà contare sul display SuperAmoled Full HD da 5,68 pollici. Le altre caratteristiche tecniche note contemplano Ram da 3 GB e due varianti di processori: Exynos Octa e Qualcomm Snapdragon. Il tutto affidato ad Android 4.3 e animato da una batteria da 3.200 mAh. Si presume che arriverà nei negozi già entro la fine di settembre a un prezzo ipotizzato di 699 euro.

La concorrenza, ovviamente, non si farà attendere: sempre a settembre è previsto il rilascio dei nuovi modelli di iPad, iPad 5 e iPad Mini, per non parlare di iPad Maxi, che potrebbero sottrarre parecchi clienti a Samsung; se in ambito smartphone i coreani dominano il mercato, sul fronte tablet la situazione è decisamente diversa: Apple domina in America e iPad è sempre stato il tablet per eccellenza.

Samsung Galaxy Gear – In occasione dell’Ifa 2013 Samsung presenterà anche lo smartwatch chiamato Galaxy Gear. L’orologio “smart”, stando alle indiscrezioni pubblicate sul web, avrà touchscreen da 1,67 pollici, fotocamera da 2 Mpixel e processore dual core da 1,5 GHz assistito da 1 GB di Ram. Sarà basato su Android e si connetterà allo smartphone via Bluetooth. Si tratterà comunque di un orologio da polso “intelligente”, capace di effettuare chiamate, navigare sul Web e gestire i messaggi di posta elettronica. Stando ad alcune fonti vicine a Samsung, Galaxy Gear non dovrebbe integrare uno schermo AMOLED flessibile, ma un semplice display LCD. L’azienda conta di portare sul mercato questo orologio entro la fine dell’anno, in tempo per lo shopping natalizio e qualche mese prima dell’atteso iWatch di Apple, programmato invece per il 2014.

HTC One Max – Dopo un periodo caratterizzato dalla totale assenza di marketing aggressivo, HTC sarebbe pronta a lanciare sul mercato l’HTC One Max, la versione big dell’HTC One che sta facendo la fortuna dell’azienda. Ad annunciare il lancio di qualcosa di grande è stata proprio la HTC. Si ipotizza che il nuovo dispositivo avrà un display full HD da 5,9 pollici, con un processore Qualcomm Snapdragon da 2,3Ghz affiancato da 2 GB di RAM.

Whatsapp inaugura i messaggi vocali

whatsappWhatsApp comincia a parlare. L’applicazione di instant messaging, utilizzata da oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo, ha inaugurato i messaggi vocali. Oltre a poter inviare testi, foto e video, con l’ultimo aggiornamento dell’app è possibile trasformare il proprio smartphone in una sorta di walkie-talkie. Basta premere sull’icona del microfono, sulla destra del campo messaggio, per avviare la registrazione e lasciare il tap per confermare l’invio, oppure scorrere a sinistra per cancellarlo.

La durata dei messaggi è decisa dagli utenti. Il nuovo spazio di conversazione facilita l’accesso a coloro che hanno difficoltà nell’uso dei tasti oppure agli analfabeti. In realtà, la possibilitàdi registrare audio era già prevista nella precedente versione, ma bisognava accedere al menu degli allegati, come per aggiungere foto e video ai messaggi.

Android Device Manager: ritrova lo smartphone rubato o perso

AndroidÈ pronto al debutto Android Device Manager, la soluzione di Google per rintracciare da remoto smartphone e dispositivi Android perduti o rubati. Si tratta della risposta di Google a Trova il mio iPhone, una funzione che consente già ai possessori di dispositivi iOS di rintracciare il proprio smartphone smarrito o rubato.

Il lancio della nuovissima app targata Google è previsto entro la fine di agosto. Android Device Manager potrà essere scaricato via Google Play da tutti i possessori di uno smartphone equipaggiato con il sistema operativo dell’azienda di Mountain View a partire dalla versione 2.2.

La notizia è stata comunicata sul blog ufficiale della piattaforma, dove si legge che con Android Device Manager si potranno gestire tutte le principali funzioni di localizzazione e controllo remoto, molto utili in caso di furto o smarrimento del device. Sarà possibile rintracciare il terminale facendolo squillare al massimo del volume, (anche se il dispositivo è in modalità silenziosa o vibrazione), oppure inquadrarlo sulla mappa tramite Google Maps. Sarà inoltre possibile, sempre da remoto, bloccare lo schermo o eliminare tutti i dati personali per evitare che possano essere accessibili da parte di persone estranee.

Ecco lo smartphone italiano: elegante, pratico, low cost

design_smartphone_stxNell’eterna lotta tra Apple e Samsung si inserisce un nuovissimo smartphone che porta una firma tutta italiana. Si tratta di Stonex STX Ultra, realizzato dall’azienda lombarda Stonex, che precedentemente aveva messo sul mercato anche lo Stonex STX e lo STX S. L’azienda, prima impegnata nella progettazione e produzione degli strumenti di rivelazione ad altra precisione, si è aperta solo pochi mesi fa al settore della telefonia mobile, con risultati positivi che fanno ben sperare anche per il futuro.

La sfida con i giganti della telefonia è ardua ma lo Stonex STX Ultra presenta caratteristiche di tutto rispetto che lo rendono un prodotto valido e interessante. Innanzitutto, colpisce il design. Lo schermo da 5 pollici è spazioso e ad altissima risoluzione, HD (1280×720 pixel). Il tutto è racchiuso in una cornice di soli 142 millimetri di altezza, 72,9 di larghezza e 8,3 di spessore.

Il sistema operativo è utilizzato è Android, sviluppato da Google e implementato su gran parte dei degli smartphone sul mercato. In particolare, il sistema operativo di STX ULTRA è aggiornato alla recente versione Google Android Jelly Bean 4.2. L’aggiornamento del software, poi, è garantita in modo stabile e sicuro grazie all’applicazione Smart Updater e alla tecnologia Air Technology. Un aspetto fondamentale è la tenuta della batteria. Agli amanti di foto e video, la Stonex dedica una fotocamera da 8 megapixel che permette di registrare video in HD. Infine, lo Stonex STX Ultra ha la possibilità di una doppia scheda SIM, cosa che permette di usare allo stesso tempo il telefono aziendale e quello privato.

Per ora il telefono è disponibile solo in nero classico, ma la Stonex ha assicurato che nel giro di qualche settimana sarà presente in molti colori. Un telefono di tutto rispetto che, in quanto a caratteristiche e funzionalità, va a competere con i giganti della Apple e della Samsung. Competitivo anche il prezzo dello smartphone, 299 euro.

Vacanze, per le foto meglio smartphone o macchina fotografica?

scuole fotografiaLe vacanze si avvicinano e torna l’antico quesito: per le fotografie meglio cellulare o macchina fotografica? Un dilemma che si presenta ogni anno e che ancora non ha trovato risposta.

Gli smartphone, con fotocamere sempre più sofisticate, garantiscono la possibilità di avere foto di buona qualità da condividere immediatamente sui social network. Inoltre, risultato leggeri e poco ingombranti. Ingombro che cresce se al telefonino si aggiunge anche la macchina fotografica. Ma momenti di relax in compagnia delle persone che amiamo, posti nuovi e ricchi di fascino, panorami mozzafiato meritano di essere immortalati con la migliore tecnologia possibile.

Uno smartphone non riuscirà mai a garantire la stessa qualità e gli effetti di una reflex digitale, che permette di catturare e rendere eterni anche i dettagli più piccoli. Inoltre, se il problema è la connettività, è bene sapere che sono in commercio delle macchine fotografiche in grado di collegarsi a internet per condividere immediatamente emozioni e immagini sui social.

E voi che ne pensate, meglio la reflex o lo smartphone?

Fatti smart!: un video del Garante per proteggere la privacy su smartphone e tablet

image_galleryMilioni di persone in tutto il mondo usano smartphone e tablet per comunicare, lavorare e divertirsi. Queste tecnologie consentono di navigare sul web come se si usasse un tradizionale computer e integrano molteplici funzioni e applicazioni, che possono però rivelare molto su scelte e abitudini personali. Nella memoria di smartphone e tablet è conservata, infatti, una grande quantità di informazioni personali spesso delicate, quali foto, filmati, messaggi, dati telematici o la posizione geografica in cui ci si trova in ogni istante della giornata.
Per comprendere a quali pericoli si può essere esposti, basti pensare che a volte si conservano in memoria anche password personali, codici di accesso e dati bancari. Le stesse comunicazioni telefoniche o i messaggi scambiati via e-mail, sms o tramite servizi messenger contengono dati personali.
Per sensibilizzare gli utenti italiani sull’importanza proteggere queste informazioni, il Garante per la protezione dei dati personali ha realizzato un video tutorial con l’obiettivo di offrire alcune semplici e utili indicazioni su come tutelare la propria privacy quando si utilizzano smartphone e tablet.
Il Garante raccomanda agli utenti di adottare semplici ma fondamentali accorgimenti, di tenersi sempre informati e di gestire responsabilmente la conservazione e la condivisione di dati personali, e ricorda che è sempre possibile rivolgersi ai suoi uffici per ottenere informazioni e chiarimenti o per richiedere interventi a tutela della propria riservatezza.

Proteggi i tuoi dati – «Non conservare su smartphone e tablet informazioni troppo personali che potrebbero essere smarrite o rubate, o perfino clonate o attaccate da pirati elettronici – scrive il Garante – Non si dovrebbero mai conservare, ad esempio, password personali, codici di accesso e dati bancari in chiaro. Se vuoi evitare che qualcuno legga di nascosto le tue e-mail e i tuoi sms o che usi a tua insaputa il tuo smartphone o il tuo tablet, usa alcune precauzioni. Imposta sempre un codice PIN abbastanza complicato. Magari imposta anche un codice di blocco. Alcuni sistemi operativi consentono anche di impostare password di sicurezza che bloccano completamente l’accesso ai dati personali. Per farlo, basta collegare smartphone e tablet con il pc e utilizzare il software per la gestione del prodotto. Conserva con cura il codice IMEI, che trovi sulla scatola del prodotto che acquisti e che in caso di furto o smarrimento puoi utilizzare per bloccare a distanza l’accesso al tuo smartphone o tablet».

Quando navighi su smarthone e tablet – «Se ti connetti a Internet e ai social network via smartphone e tablet, verifica le impostazioni privacy e leggi le condizioni d’uso dei servizi. Per navigare sul web, inoltre, installa sempre – se disponibile – software di sicurezza anti-virus informatici o contro le intrusioni da parte di pirati telematici e ladri d’identità digitali. Quando usi connessioni wi-fi gratuite, ad esempio nei locali pubblici, verifica che la navigazione sia protetta con protocolli di scambio dati criptati».

APP-rova di privacy – «Se scarichi delle applicazioni, evita le fonti sconosciute e utilizza sempre i market ufficiali, a meno che tu non sia in grado di valutare autonomamente l’affidabilità della fonte. Una volta installata un’applicazione, verifica se richiede l’accesso a contenuti presenti sul tuo smartphone o sul tuo tablet (ad esempio, le tuo foto o i contatti in rubrica) e leggi con attenzione le condizioni d’uso del servizio».

Vuoi sempre far sapere dove sei? – «Smartphone e tablet hanno funzioni di geolocalizzazione, ma sei tu a decidere se, quando e chi può conoscere la tua posizione. Per disabilitare la geolocalizzazione, puoi disattivare il GPS o la connessione wi-fi quando non usi questi servizi o altri ad essi collegati. È bene, inoltre, controllare anche le impostazioni di geolocalizzazione dei servizi di social network che eventualmente utilizzi su smartphone o tablet. La scelta finale di far sapere o meno dove sei, in fin dei conti, è sempre la tua».