Il coraggio di ricominciare

Ricominciare. Azzerare tutto e ripartire daccapo. A volte spaventa, sono mille i dubbi che ci assalgono e ci chiediamo se sia meglio continuare a rimanere fermi, immobili, in attesa del prossimo treno o saltare su quello che sta passando proprio adesso. Ci diciamo che forse non è quello che vogliamo veramente, che meritiamo di più, che se aspettiamo un altro po’ la nostra vera occasione potrebbe arrivare. Intanto i giorni passano e la vita ci scivola via dalle mani, senza che siamo riusciti veramente a fare qualcosa.

Scegliere è difficile, comporta sempre delle rinunce e delle responsabilità, ma è necessario per non appiattire la nostra esistenza, per darle valore e tentare di inseguire i nostri sogni. Già, inseguire. Perché ai sogni bisogna corrergli dietro, faticare per raggiungerli. Aspettare che siano loro a bussare alla nostra porta non serve. Ciò che serve è il coraggio di osare, di dire sì alle nostre intuizioni, ai sentimenti, ai desideri. Di saltare su quel treno che ci sfila davanti o abbandonare la corsa se quella non è più la nostra destinazione.

Che si parli di un nuovo lavoro, un nuovo amore, una nuova città, coraggio è la parola chiave. In “Tutto su mia madre”, la trans Agrado enunciava una verità fondamentale: “Uno tanto più è autentico quanto più assomiglia all’idea che ha di se stesso”. Allora, cerchiamo l’autenticità della nostra vita, ciò che ci fa stare bene e ci rende felici, anche quando le nostre scelte non verranno capite e approvate, anche quando ci richiederanno sacrificio, anche quando il buonsenso e la razionalità ci direbbero di lasciar perdere. La vita è una, abbiamo il dovere di viverla fino in fondo, assaporando ogni dono che ci fa.

Annunci

Paura? No grazie, preferisco l’amore

coraggio

Paura. Amore. Due termini antitetici su cui, spesso, si gioca la nostra esistenza. Da una parte, un sentimento che paralizza, gela il cuore e il corpo e rende incapaci di qualsiasi reazione che non sia la fuga. Dall’altra, un sentimento che abbatte ogni barriera, apre alla bellezza e alla gioia della vita, rende fecondi, liberi.

In mezzo, la speranza: il motore propulsore del cambiamento, in grado di scardinare il muro della paura e mostrare che un nuovo mondo è possibile. Basta solo aver fiducia. E la fiducia non è un sentimento passivo, l’aspettare che accada qualcosa, è credere in se stessi e nelle proprie capacità, rimboccarsi le maniche ogni giorno e costruire la vita che si desidera.

amore libertà

Ci saranno momenti difficili, eventi che non capiremo, solitudini che ci stringeranno il cuore. L’importante è non lasciarsi scoraggiare ma perseguire con forza e determinazione il proprio obiettivo, senza accontentarsi di ciò che si trova lungo la strada solo per timore di rimanere a mani vuote.

La vita ci dà tanto, impariamo a non sprecarne i doni per paura o per inseguire chimere, spinti da un’eterna insoddisfazione e dal desiderio di avere qualcosa in più, qualcosa di nuovo e più eccitante.

Il brivido dell’avventura ci fa sentire vivi ma dura un attimo. L’amore è impegnativo e richiede sacrificio ma, forse, vale la pena.

Paura, l’unico ostacolo alla realizzazione dei nostri sogni

salto-nel-vuoto

Molte volte vi ho parlato dell’importanza di avere dei sogni e dell’impegno e della determinazione necessari per realizzarli. Oggi voglio analizzare il rovescio della medaglia: la paura. Quella che ci blocca e ci paralizza, che ci impedisce di fare il passo decisivo verso tutto ciò che abbiamo sempre desiderato.

A volte la paura è necessaria, frutto del primordiale istinto di sopravvivenza che ci permette di fuggire dalle situazioni pericolose, di metterci al riparo da tutto ciò che potrebbe nuocerci. Altre volte, invece, è la paura stessa a essere nociva.

mongolfiera

Ci fa vedere ostacoli laddove ci sono opportunità. Ci imbriglia in ragionamenti logici che fanno sembrare negativo tutto tranne rimanere fermi. Ma il vero rischio sta proprio nell’evitare il cambiamento, nel rifiutarsi di andare incontro alle novità che la vita ha in serbo per noi.

Vivere veramente significa assumersi dei rischi, aspettare l’insperato, saper accettare il bene e il male, trasformarli in un’occasione di crescita e andare avanti. Continuare con il proprio percorso. Se rifiutiamo di iniziare un nuovo cammino per paura di inciampare su una pietra ci impediremo anche di ammirare i fiori che crescono lungo il sentiero.

Non lasciamoci spaventare dalle novità

gioiaLe novità spesso spaventano, atterriscono, ci lasciano bloccati là, incapaci di reagire e di cogliere le opportunità di cambiamento che la vita ci offre. Siamo esseri abitudinari, legati alle nostre sicurezze e alle nostre infelicità. Preferiamo continuare a essere insoddisfatti e a commiserarci piuttosto che avere il coraggio di prendere in mano la nostra vita e farne un capolavoro.
Le abitudini, per quando frustranti, sono meglio dell’ignoto. Guardiamo con dubbio alle novità che accadono nel succedersi quotidiano dei fatti e «la novità spesso ci fa paura, anche la novità che Dio ci porta, la novità che Dio ci chiede». Queste le parole che Papa Francesco ha rivolto ai fedeli nell’omelia della veglia di Pasqua. Parole dure ma estremamente vere in cui ognuno, credente o meno, può a ritrovare se stesso e le proprie paure.
«Siamo come gli Apostoli del Vangelo: spesso preferiamo tenere le nostre sicurezze, fermarci ad una tomba, al pensiero verso un defunto, che alla fine vive solo nel ricordo della storia come i grandi personaggi del passato. Abbiamo paura delle sorprese di Dio; abbiamo paura delle sorprese di Dio! Egli ci sorprende sempre!».
Il Papa ci chiede quindi di «non chiuderci alla novità che Dio vuole portare nella nostra vita!»:
«Siamo spesso stanchi, delusi, tristi, sentiamo il peso dei nostri peccati, pensiamo di non farcela? Non chiudiamoci in noi stessi, non perdiamo la fiducia, non rassegniamoci mai: non ci sono situazioni che Dio non possa cambiare, non c’è peccato che non possa perdonare se ci apriamo a Lui».

Non toccate quel divano

Entro in casa e ho un attimo di smarrimento. Dov’è finito il mio divano? E che cos’è tutta quella roba ammassata al centro soggiorno? Dove sono le sedie su cui facevo i miei pisolini? Mi sento disorientato, non capisco che sta succedendo. Ho forse sbagliato casa?
Miao. Non risponde nessuno. Miaooo. Ancora niente. Miaooooooooooooo. Stavolta urlo talmente forte che qualcuno dovrà pur sentirmi.
Ah ecco, la mia umana mi chiama. Il suo tono è rassicurante ma ancora non capisco che succede. Mi aggiro per la stanza in cerca delle vecchie cose ma del divano neppure l’ombra. Attraverso una tenda. La mia umana lo chiama cellofan ma a me toglie il respiro. Toh, ci sono il tavolo e le sedie, ma non ho proprio intenzione di dormire qua sotto. Che credi umana?
Miaooooooooooo. Questo gioco non è per niente divertente. Mi chiamano ancora, ma io non voglio uscire dal mio nascondiglio. Ho paura.
Miaooooooo. Ormai il mio è un lamento. L’umana non mi vede in tutta questa confusione. Sembra preoccupata per me. Mi affaccio.
Miaooooo. Stavolta sono felice di vederla. Mi prende tra le sue braccia morbide e mi accarezza sotto il mento. Non so resistere. Poi mi parla con la sua vocina dolce: «Piccolo – mi dice – non è successo niente, questa è sempre casa tua. Abbiamo spostato tutto perché stiamo ritinteggiando le pareti ma presto riavrai il tuo divano».
Beh adesso va già meglio, ma io ancora non mi ci ritrovo. Ritinteggiare… che significherà mai? Ah si, stanno stendendo nuovo colore sui muri. Ma come umana, non ti piacevano le mie zampette sulle pareti?